menu

ritornare a essere sostenibili

le domande più frequenti

Cosa significa per voi “fare del bene”?

Potrà sembrarvi forse un concetto astratto, ma per noi significa fare qualcosa che sia buono non solo per le persone ma anche per il mondo che ci circonda. Questo perché le nostre bevande sono fatte con ingredienti sani e naturali, nel rispetto dell’ambiente e dei diritti delle persone vi lavorano.
Inoltre, doniamo il 10% dei nostri profitti ad organizzazioni non governative tramite la nostra fondazione innocent.
Insomma, vogliamo che innocent possa crescere nel modo più solidale e responsabile possibile, rimanendo sempre consapevoli del nostro impatto sociale e ambientale.

Qual è la differenza tra riciclato e riciclabile?

Molti materiali sono riciclabili al giorno d’oggi e questo significa che abbiamo tutti l’opportunità di raccoglierli e riconvertirli in qualcos’altro. Un esempio? La carta che può ritornare carta o la plastica di nuovo plastica. Se un oggetto contiene materiale riciclato, sarà integralmente o solo in parte creato a partire da materie prime che hanno già avuto un loro utilizzo in passato.

Perché non utilizzate bottiglie di vetro?

Alzi la mano chi non si ricorda delle bottiglie di latte in vetro, quelle che si usavano una volta. Certo, le bottiglie di vetro ci sembrano sempre la soluzione più ecologica quando si parla di packaging. Ecco, nella realtà è un po’ più complicato. Le bottiglie di vetro sono molto pesanti e ingombranti e di conseguenza non possono essere “schiacciate” per un trasporto più efficiente. Per questo la raccolta di queste bottiglie, sia vuote che piene, richiede una grande quantità di automezzi e carburante… e questo significa più inquinamento. Anche il lavaggio e la redistribuzione nei siti di imbottigliamento richiedono un gran dispendio di energia. Da ultimo, la produzione: anch’essa molto energivora, poiché avviene tramite fusione.
I nostri packaging in plastica sono invece più leggeri, richiedono meno materia prima ed energia per essere prodotti. Per questo abbiamo deciso di continuare con le bottiglie di plastica, impegnandoci a ridurre sempre di più il loro impatto.

Che cos’è Rainforest Alliance?

Rainforest Alliance è un’associazione che lotta per la conservazione della biodiversità e un adeguato livello di sostenibilità in termini di sfruttamento del territorio, pratiche commerciali e di comportamento dei consumatori. Questo si traduce non solo nella salvaguardia dei diritti dei lavoratori agricoli, ma anche nella protezione dell’ecosistema nelle piantagioni, cosa che incoraggia quindi la biodiversità. Noi di innocent crediamo che questo approccio sostenibile sia il migliore possibile. Una piantagione ben gestita con lavoratori motivati, significa frutta di migliore qualità e una migliore produttività.

Acquistate frutta locale?

Ci impegniamo a realizzare le nostre bevande con la migliore frutta: la più saporita e naturale. Ora, è ovvio che tutta la frutta sia naturale, ma acquistandola da aree del mondo più adatte alla produzione di quella particolare varietà permette di ridurre lavorazioni o processi necessari per farla crescere correttamente (che siano pesticidi o un impiego di energia eccessivo). Ad oggi, poco più della metà della frutta che acquistiamo viene dall'Europa. Questo significa che la nostra frutta tropicale come mango, ananas e banana proviene da un po’ più lontano. La geografia ci è sempre piaciuta un sacco.

Tuttavia, sono diversi i tipi di frutta che acquistiamo sul territorio italiano (ma non solo) e che utilizziamo per i nostri prodotti, come l’uva, mele, limoni, arance rosse, pesche, pere e una piccola quantità di kiwi.

Che significa “frutta da origine sostenibile”?

Sappiamo di non essere perfetti, ma la nostra promessa di lavorare con frutta proveniente da agricoltura sostenibile rappresenta davvero il cuore del nostro impegno nella sostenibilità.
Il concetto di nutrizione sostenibile è alla base del nostro sviluppo e per questo continuiamo a creare prodotti buoni che facciano bene, utilizzando ingredienti che, oltre ad avere un buon sapore, sappiamo avranno un ridotto impatto ambientale.
Ma non è tutto. Il nostro programma di “standard minimi”, in corso da ormai 6 anni, ci permette di valutare i nostri coltivatori su performances di responsabilità sociale e salvaguardia ambientale. Questo ci permette di ottenere frutta certificata e, in alcuni casi, investire in progetti di agricoltura sostenibile. Il tutto riflette il nostro impegno continuo a ridurre il nostro impatto ambientale lungo tutto l’arco del processo di approvvigionamento della nostra frutta. Siamo stati precursori nell’uso della plastica riciclata per la produzione delle nostre bottiglie (le prime nel lontano 2003), tutti i nostri imballi in cartone sono certificati FSC e i nostri partner produttivi mantengono elevate performances di sostenibilità dal 2008.
Ultimo, ma non meno importante: siamo diventati un punto di riferimento per il settore e questo ci rende davvero orgogliosi del lavoro fatto fino ad ora. I nostri colleghi ci esortano a parlare del nostro impegno per una produzione sostenibile. Per questo sogniamo un mondo dove sempre più persone siano interessate a questo argomento e pronte ad essere coinvolte in prima persona.
Come detto, non siamo perfetti e sappiamo che questo non è che il primo passo di un percorso lunghissimo per poter dire che sì, siamo davvero riusciti a lasciare le cose in uno stato migliore di quello in cui le abbiamo trovate.
Ci faceva piacere raccontarvi come siamo arrivati a questo punto ed assicurarvi che non ci fermeremo qui.